Corridoi controllati (Fast Corridor) Piattaforma Logistica Nazionale e Sistema Informativo Logistico Ferroviario-Nuovo Disciplinare quadro

By 13 maggio 2019Circolari

Buongiorno a Tutti,

a seguito della circolare ricevuta ieri da Confetra, ci è sorto il dubbio che fosse stata data un’erronea interpretazione sulla modifica che l’Agenzia delle Dogane aveva formalizzato con la nota allegata, dove si rilevava che le precedenti autorizzazioni dei “fast corridor” non rispettavano la normativa unionale, sottovalutandone l’importanza come fosse un semplice adeguamento normativo.

Il dubbio è stato confermato oggi con la circolare congiunta di Anasped e Assocad, sempre in allegato, che conferma la modifica sostanziale nelle procedure, che dovranno quindi essere riviste.

Il passaggio fondamentale è, come pur citato nella circolare Confetra (ma trascurato nella sua importanza), nell’aver introdotto l’obbligo che le merci terze debbano essere dichiarate nella temporanea custodia nel luogo d’arrivo (il porto) e non più direttamente nei depositi doganali interni.

Sostanzialmente, le partite A3 fino ad oggi dichiarate nel MMA direttamente con il codice di deposito doganale posto all’interno dello stato, dovranno comunque essere prima dichiarate nel magazzino TC portuale (nei casi di nostra competenza) e solo successivamente trasferite con altre procedure doganali, come dettagliato negli allegati.

Nell’attesa che l’Agenzia delle Dogane provveda a rinnovare i singoli procedurali, è interesse dei Doganalisti portuali il coinvolgimento nei successivi trasferimenti dopo lo sbarco ed introduzione nel magazzino TC portuale, ora reso obbligatorio.

Cordiali saluti.

ASSOCIAZIONE SPEZZINA DOGANALISTI

Sede: Via G. Don Minzoni 2 c/o CONFINDUSTRIA LA SPEZIA

                                               www.aspedo.it

 

IL PRESIDENTE

       Emilio SIMONINI

Allegati

ufficiostampa

Author ufficiostampa

More posts by ufficiostampa

Leave a Reply